martedì 5 giugno 2012

Le mie proposte per l’agricoltura

Nel momento storico attuale la crisi economica si rende tristemente protagonista della progressiva erosione del numero di imprese operanti sul nostro territorio. Il settore agricolo subisce, anche a causa della nuova tassazione sui terreni e fabbricati agricoli, i maggiori contraccolpi.
In un territorio a vocazione agricola come quello algherese diventa così ancora più pressante l’urgenza di proporre soluzioni che possano contribuire ad arginare la crisi.
La passione per l’ambiente e l’agricoltura, che mi accompagna da sempre e mi ha portato a diventare Dottore Agronomo, mi orienta da candidato a consigliere comunale, a perseguire una politica che abbia come obiettivi principali la sostenibilità ambientale, la salute dei cittadini (in particolare dei più piccoli) e la tutela delle attività produttive del territorio.
Sono convinto che parte della soluzione consiste nella costituzione di un sistema di Filiera Corta, tale da consentire il mantenimento nell’ambito del nostro comune del valore aggiunto dei prodotti locali.
L’economia agricola può essere potenziata attraverso la creazione di un rapporto più diretto tra produttori e consumatori, con la promozione dei prodotti locali di qualità e l’aumento del valore aggiunto a favore delle produzioni dei piccoli produttori, grazie alla riduzione delle intermediazioni commerciali. Inoltre sono necessarie maggiori garanzie e prezzi congrui per il consumatore di prodotti di qualità, l’incremento del consumo dei prodotti di stagione e una migliore educazione alimentare per i giovanissimi utenti delle mense scolastiche. Possiamo trarre grande giovamento dalla valorizzazione del turismo alimentare verso le zone rurali e puntando sulla sostenibilità attraverso la riduzione dell’impatto ambientale dovuto alla distribuzione da luoghi distanti.
Non sono obiettivi utopistici, lontani dalla realtà, ma sono concretizzabili attraverso iniziative immediate:
  • potenziamento di un mercato stabile delle produzioni locali e di qualità, centro di attività non solo commerciali ma anche di animazione e promozione del territorio;
  • redazione di un protocollo d'intesa comunale che favorisca le intese commerciali di filiera tra tutti i soggetti interessati;
  • revisione del capitolato di appalto per le mense scolastiche comunali, con l'inserimento di una quota importante di prodotti locali e di qualità;
  • sfruttamento del valore aggiunto apportato dal marchio del Parco di Porto Conte ai prodotti, ottenuti e garantiti con appositi protocolli, delle aziende agricole algheresi;
  • costituzione di un paniere di prodotti locali garantiti e certificati, da offrire nell'ambito della locale ristorazione, quale portatore delle doti di eccellenza del patrimonio agricolo del territorio.
Molti algheresi avranno notato come spesso gli agricoltori si sentono scoraggiati e abbandonati da una politica che preferisce settori più scintillanti alla coltivazione della terra. Ma un mercato che abbandona l’agricoltura è irrazionale, in quanto l’unico bisogno irrinunciabile a prescindere dalla crisi è proprio quello alimentare, essenziale nella cura della salute e della vita di ogni persona.


1 commento:

  1. COMPLIMENTI RAIMò... OTTIME PROPOSTE CONCRETE E INNOVATIVE, IN PURO STILE COLDIRETTI... TI AUGURO DI POTERLE APPLICARE PRESTO. CIAO

    RispondiElimina